Dienstag, 23. Oktober 2007

Anni e libri

Eccomi. Sabato compleanno di Marco festeggiato con la sua amica: la piccola Stella. Altri bimbi non ne vuole al momento... c'e' chi dice che il miglior numero di invitati sia uno piu' del numero di anni del bimbo e chi dice uno meno il numero di anni del bimbo... il mio cade nella seconda categoria: 2-1= Stella. Non che giochino insieme i due pupetti, ma lui la vuole sempre. E lei lui. Si trovano bene e sono proprio carini. Magari mettero' un video coi due tomboli che corrono dandosi la mano. Cosi' forse s'intravede quanto e' bello il posto dove mi trovo. :)
La mia amica Laura, mamma di Stella per l'appunto, mi ha imprestato un paio di libri da leggere.

E... qualcuno ha mai letto L'amore fatale, di Ian Mc Ewan?
Ok, e' una storia piuttosto particolare. Basata su un fatto vero (ma questo e' forse irrilevante). L'autore caratterizza davvero (ma davvero!) bene i personaggi: uomini e donne. Poi magari c'e' chi puo' trovarlo noioso in certe descrizioni (che pero' appartengono al modo di pensare del personaggio- il libro e' scritto in prima persona), ma di spunti ce n'e' davvero tanti.
Ve ne do un esempio (pagina 119-120 dell'edizione Einaudi tascabili):

Mi alzai. L'autoconvincimento era un concetto molto amato dagli psicologi evoluzionisti. Avevo scritto un articolo sull'argomento per una rivista australiana. Vera e propria scienza da tavolino. Il succo era questo: per chi vive in gruppo, e l'essere umano lo ha sempre fatto, e' fondamentale riuscire a convincere gli altri dei propri bisogni e interessi. Talvolta si rende necessario l'uso dell'astuzia. E' chiaro che il massimo della nostra capacita' di persuasione si ottiene dopo aver convinto se stessi in modo da non dover fingere di credere in quanto si va sostenendo.
etc...

Non dico che ci sia qualcosa di nuovo, pero'... e' detto bene.
Ora torno a cantare 'tanti auguri a te....' mo' che ha imparato la canzone gli piace ripeterla. Oh, ye...

Kommentare:

Esilio hat gesagt…

Ma questa cosa del numero perfetto degli invitati non lo sapevo per niente.. bella teoria.. interessante.. :-) con me non funziona. Ogni anno che passa di invitati ne vorrei sempre meno..

Elys hat gesagt…

Al momento sto leggendo Il cacciatore di aquiloni e devo dire che più vado avanti più la storia si fa interessante. A parte che odio il protagonista e meditavo di "ucciderlo" dopo neanche tre pagine! A me di solito piacciono i "reietti", i personaggi trattati male...ma lui è insopportabile! In compenso la storia è davvero bella. Sui compleanni concorso con Esilio...avete mai fatto caso che uno più cresce più fa fatica a rapportarsi gli altri? A me capita di diventare spesso intollerante, mentre da bambini le distanze sono cortissime tra una persona e l'altra! U____U Bella l'infanzia!

Alberta hat gesagt…

@Esilio. Ciao, beh penso sia una regola valida per i bimbi... non so dopo... ;)

@Elys. Il rapporto con gli altri per me dipende dal contesto. Almeno questo l'ho imparato vivendo altrove. Poi dipende anche da dov'e' l'altrove. Ma sicuramente un cambio improvviso di realta' porta a rivalutare le situazioni e a alleggerire la fatica... Bello il cacciatore di aquiloni. Ho letto anche il suo secondo libro: Mille splendidi soli. Molto diverso anche se nello stesso contesto, punto di vista femminile e... i protagonosti sono molto piu' 'reietti'. Dimmi quando finisci il cacciatore di aquiloni che ci scambiamo le opinioni!!

Alberto hat gesagt…

E mi metto a cantarla anche io insieme a te: TANTI AUGURI A TEEEE... :-D

In fondo gli amici servono anche a questo, no? ;-)

Un abbraccio imbucato :-)

astralla hat gesagt…

E' bello vedere nei tuoi occhi l'immagine di due bimbi che corrono tenendosi per mano...Bellissimo.Davvero.

Angie hat gesagt…

Grazie per il consiglio..ho poco tempo per legere..ma se capita!
:-D

Angie hat gesagt…

"leggere"..
:-)

Alberta hat gesagt…

@astralla- ciao Astralla, sono contenta ti abbia fatto piacere pensare ai due tomboli :)

@Angie :))) grazie della visita ma non so se il mio sia proprio un consiglio per la lettura. Tosto il libro. E riguardo al tempo a disposizione... capisco benissimo. Ciao!!

Annachiara hat gesagt…

Mi ha fatto piacere che tu sia passata a salutarmi! Ti invidio molto che non vivi in Italia. Io ho vissuto 6 anni a Parigi e vorrei non aver fatto l'errore di tornare. E' che avevo nostalgia, ma all'epoca non c'erano i blog....
P.S. Il mio commento è ovviamente completamente Off topic.

Alberto hat gesagt…

Ueè, crucchetta, che facciamo? Battiamo la fiacca?!?! :-D
Su, su, su...

Un abbraccio impaziente :-)